.
.
.
Non sono i primi “occhi” che disegno e pubblico. Mi piace disegnarli con tutte le tecniche… ne sono una vittima.
“L’impressione ottica rimane la via attraverso la quale più spesso è risvegliato l’eccitamento libidico. […] La zona forse più lontana dall’oggetto sessuale, l’occhio, si trova – nelle condizioni del corteggiamento dell’oggetto – più spesso di tutte le altre nella situazione di essere stimolata da quella particolarità dell’eccitamento proveniente da ciò che, nel caso dell’oggetto sessuale, noi chiamiamo bellezza”.

S. Freud; Tre saggi sulla teoria sessuale, in: Opere; Bollati Boringhieri, Torino 1970